Il tema del guerra nel ritiro del Clero a San Pietro di Sorres

«Messaggero di pace, realizzatore di unione, maestro di civiltà» sono le parole che Papa Paolo VI usa, per descrivere san Benedetto nella lettera di proclamazione a patrono d’Europa, nell’ottobre del 1969. I monasteri benedettini infatti, nel periodo di decadenza dell’Impero Romano, ormai in balia delle invasioni barbariche, sono stati in Europa centri nevralgici per la custodia e la diffusione della civiltà, la cultura e la pace, attraverso la forza trasformante del messaggio dell’amore cristiano.
Tempi in cui saccheggi, violenza, incursioni, la facevano da padrone, la cosiddetta Pax benedictina: che incarnava l’ideale di uomo sapiente e maturo che ha trovato pace nel suo cuore, è stata motore di unità tra i diversi popoli, etnie, anime e linguaggi della nostra Europa. Giovedì 17 marzo scorso, il monastero benedettino di San Pietro di Sorres in Borutta, attraverso questa sua forza simbolica, ha offerto una cornice

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati