Freemmos fa tappa in Marmilla. “Il vero virus è lo spopolamento”


Di Luciano Fais
Pubblicato nel N° 33 del 21.09.2020

L’intento è quello di favorire il ripopolamento dei piccoli centri, investendo nei valori delle comunità e riportando l’attenzione dell’opinione pubblica su un fenomeno preoccupante attraverso iniziative che possano costituire occasione di incontro e socialità, pur nell’attuale situazione di difficoltà creata dall’emergenza sanitaria. Per la quinta iniziativa promossa quest’anno, lo scorso 9 settembre, «Freemmos» – ambizioso progetto ideato dalla Fondazione Maria Carta contro lo spopolamento dei comuni della Sardegna – ha fatto tappa a Collinas, piccolo centro di 800 abitanti incastonato nella regione storica della Marmilla (provincia del Sud Sardegna). Un evento che non ha mancato di offrire diversi spunti di riflessione su un fenomeno ormai cronico che se non contrastato con progetti mirati rischia di ricadere pesantemente non solo sulle singole comunità, ma, complessivamente, sull’economia e sulla cultura dell’intera regione.
Il senso dell’iniziativa è nelle parole del sindaco Francesco Sanna, intervenuto durante la serata: «Ritrovarci in piazza con Freemmos – ha detto il primo cittadino di Collinas – è una proposizione chiara di voler resistere alla minaccia del covid, ma allo stesso tempo è anche una dichiarazione d’intenti per come affrontare le sfide che dovranno raccogliere i piccoli comuni. Proprio questa

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati