Quella fede mai sopita


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 22 del 08.06.2020

Chiedere ai sassaresi di non celebrare la Festa del Voto alla Madonna delle Grazie è come tentare di arginare il flusso di una potente cascata d’acqua che scende impetuosa da una roccia ripida. Forse, per pochi attimi, si può riuscire nell’intento di deviarne il corso, ma l’acqua, comunque, continuerà a calare dilagando potente verso la pianura. Coloro che, nel rispetto del distanziamento, erano presenti durante le soste che domenica 31 maggio hanno scandito il tragitto di rientro della Madonnina al santuario di San Pietro in Silki, sua sede abituale, ne hanno certamente avuto la riprova.
Durante i brevi attimi in cui la macchina dei vigili del fuoco che portava il simulacro, scortata dalla polizia locale, si è fermata all’altezza dei luoghi-simbolo della sofferenza, si è riunita una piccola rappresentanza di fedeli che, malgrado le difficoltà del momento, ha voluto salutare

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati