Domenica della Parola, dalla scrittura all’azione


Di RedL
Pubblicato nel N° 5 del 03.02.2020

Domenica 26 gennaio a Porto Torres, nella basilica dei Santi Martiri turritani, l’arcivescovo ha presieduto la celebrazione della I Domenica della Parola, offrendo ai fedeli una lectio divina sulla pagina evangelica della III Domenica del tempo ordinario: la profezia di Isaia prendeva vita nel territorio galileo di Zabulon e Neftali e i primi discepoli rispondevano prontamente alla chiamata del Signore, lasciando subito tutto per seguire Lui. Con il Motu proprio «Aperuit illis» (Lc 24,45) del 30 settembre scorso, Papa Francesco ha voluto istituire questa giornata per ricordare al mondo che «la relazione tra il Risorto, la comunità dei credenti e la Sacra Scrittura è estremamente vitale per la nostra identità… senza la Sacra Scrittura restano indecifrabili gli eventi della missione di Gesù e della sua Chiesa nel mondo».
Il Santo Padre ha raccolto e risposto così alle richieste di numerosi membri del popolo di Dio presentategli a conclusione del Giubileo straordinario del 2015-2016,

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati