Cargo Malta. Il saluto del vescovo ai marinai in ospedale


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 36 del 14.10.2019

Quando è importante rivolgere una parola di conforto bisogna farlo di persona, senza mediazione né filtri, perché la presenza, da sola, può essere importante per trasmettere solidarietà e vicinanza in un momento delicato, specie quando chi compie quel gesto è un uomo di Chiesa. È la cultura della mano tesa, il gesto fraterno verso chi soffre o prova disagio, l’afflato spontaneo che spiana la strada verso l’incontro e la comunione. Così, i giorni scorsi, il vescovo Gian Franco, in orario di visita,

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati