Sì al dialogo, no alle contrapposizioni


Di Michele Spanu
Pubblicato nel N° 30 del 02.09.2019

Da un punto di vista politico, gli ultimi giorni di agosto solitamente trascorrono lenti e assonnati: un po’ per la voglia di prolungare le vacanze, un po’ per l’intento di rimandare i temi importanti con la collaudata formula «se ne riparla a settembre».
Questa volta, invece, il mese di agosto ha portato con sé una crisi di governo che ci ha colti di sorpresa sotto l’ombrellone. Tutti noi abbiamo ripreso familiarità con argomenti di diritto parlamentare e ancora oggi, entrando in un bar o attraversando le vie del centro, possiamo avere l’opportunità di ascoltare interventi più o meno appassionati tra chi sostiene

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati