Il terzo settore nell’agenda europea


Di Vito Biolchini
Pubblicato nel N° 30 del 02.09.2019

«Il mondo sta cambiando, l’Europa sta cambiando e anche noi dobbiamo cambiare per mantenere il volontariato nell’agenda delle istituzioni europee e per aiutare le nostre organizzazioni. Perché in alcuni paesi gli spazi di manovra si stanno restringendo e noi dobbiamo potenziare i volontari per aiutarli a mantenere la loro libertà di associazione, per continuare a essere volontari». Esperta di sviluppo delle organizzazioni e di noprofit, la rumena Cristina Rigman delinea il futuro del Terzo Settore nel Vecchio Continente. A novembre concluderà il suo mandato quadriennale

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati