«La violenza assistita? Deve essere reato»


Di Pietro Masala
Pubblicato nel N° 34 del 22.10.2018

È capitato da poco a Sassari: un adolescente provato dalle violenze domestiche subite dalla madre, ha reagito accoltellando il patrigno. Ragazzi come lui sono vittime di un fenomeno – quello della cosiddetta violenza assistita – che è studiato da poco e che non ha ancora un vero riconoscimento giuridico. Chi respira l’atmosfera di violenza tra le mura domestiche, pur non essendone direttamente colpito, subisce comunque lesioni in grado da minarne lo sviluppo psicofisico. Ne sono convinti l’avvocato Giacomo Crovetti e lo psico pedagogista Cristiano Depalmas che su questo tema hanno scritto un libro con uno scopo ben preciso: portare all’approvazione di un nuovo articolo del codice penale, il 527 bis, che consideri il fenomeno della violenza assistita come un

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati