Celebrati i Giubilei Episcopali e Sacerdotali

Di Don Francesco Marruncheddu
Pubblicato nel N° 22 del 12.06.2018

Il tempo che passa è icona della misericordia di Dio. Già la legge mosaica aveva fissato per il popolo ebraico un anno particolare: “Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nel Paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo” (Lv 25, 10-11).
È con questo spirito che anche la nostra Chiesa Turritana celebra ogni anno i Giubilei Sacerdotali dei suoi presbiteri – “chiamati, ordinati e inviati” come li ha definiti Mons. Saba nell’omelia – con una grande concelebrazione comunitaria che si affianca, riassumendole, a quelle che ciascun Sacerdote vive nella propria comunità parrocchiale o di origine.
La data tradizionale di questo evento, individuata da mons. Isgrò nella solennità dei Santi Pietro e Paolo, il 29 giugno, a fine anno pastorale, quest’anno, per forte desiderio dell’Arcivescovo mons. Gian Franco Saba è stata trasportata a quella del Sacro Cuore di Gesù, venerdì 8 giugno. Questo anche perché il 29 mons. Saba non sarà a S

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]