“Momento di incontro e di novità”


Di Massimo Carpinelli, Rettore dell'Università di Sassari
Pubblicato nel N° 14 del 17.04.2018

L’Università di Sassari celebra oramai da tanti anni la Pasqua, non solo perché è la principale solennità del cristianesimo, ma soprattutto per il significato spirituale che la ricorrenza ha per noi cristiani. La parola Pasqua deriva dall’aramaico “Pasha”, che significa “rinascere”, porgere gli auguri di Buona Pasqua a tutti coloro che a vario titolo sono coinvolti nel mondo accademico, significa augurare un rinnovamento, che si realizza nella ricerca di nuovi stimoli per affrontare il futuro e nell’intrapresa di nuovi percorsi di formazione e studio. Prima dell’esposizione della riflessione, tenuta da Sua Eccellenza Mons. Gian Franco Saba, ho rivolto un sincero e sentito ringraziamento per la disponibilità e per l’apertura dimostrata dell’Arcivescovo ad avviare un dialogo stimolante e costruttivo su temi di comune interesse

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati