Ad Oristano 800 catechisti da tutta l’Isola


Di Mons. Mario Simula
Pubblicato nel N° 8 del 27.02.2018

Una fraternità palpabile. Come quella dei tifosi che si riconoscono nei colori della loro bandiera.
I catechisti della Sardegna sono apparsi attraverso una radiografia sociologica nelle luci e ombre di una realtà viva. Più luci? Più ombre? Non è facile da stabilire e non ci importa stabilirlo.
Quando si tratterà di prendere in mano l’indagine che il Prof. Luca Diotallevi ha stilato, parleremo di questo sul piano degli interventi operativi da tradurre in progetto.
A noi sembra importante fissare il dato ecclesiale.
Ottocento catechisti/e motivati, di diversa età, con esperienze molto articolate, pieni di entusiasmo e di voglia di aggiornarsi e di comprendere più criticamente la portata del loro servizio, sono sempre un fatto che apre il campo ad aspettative e ad interrogativi.
Sul tavolo dei Vescovi cade una miriade di ipotesi per conoscere più a fondo e valorizzare la ricchezza che lo Spirito, attraverso questi manovali del Signore, semina nelle zolle della Chiesa.
O, se ci piace di più, nella pescagione che si tinge di fiducia e di speranza, come indica il manifesto che annunciava l’evento.
La Chiesa sarda può contare, oggi, su uomini e donne, ragazzi e ragazze che vogliono annunciare il

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati