Ci ha lasciato Padre Raimondo Turtas. Maestro rigoroso e severo

Di + Mons. Pietro Meloni, Vescovo emerito
Pubblicato nel N° 2 del 16.01.2018

“Un missionario della storia e della cultura sarda”. È stata l’immagine del Padre Raimondo Turtas nel giorno della presentazione del “libro in suo onore” all’Università degli Studi di Sassari l’11 ottobre 2014, per ricordare il tempo del suo insegnamento di “Storia della Chiesa” nell’Ateneo Turritano. La sua missione storica e culturale, animata da una insaziabile sete di conoscenza della religiosità, della cultura e della lingua dei Sardi, è stata una luce per la vita della Chiesa e dell’Università, nel cammino dal secondo al terzo millennio.
“Professore” era doveroso chiamare il Padre Turtas nel mondo accademico. “Missionario” è stato nell’annunzio del Vangelo e nella diffusione della cultura, con la sua venatura intenzionale di “laicità della fede”, che favoriva il clima del dialogo con gli uomini della ricerca, un po’ timorosi nei riguardi della religione, senza mai dimenticare la religiosità dei semplici, aggrappati alle tradizioni e alle antiche radici. La sua vocazione era nata in una bella famiglia del cuore della Sardegna, nella gloriosa cittadina di Bitti, che alla laboriosità nei campi

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]