Raccontare la carità: siamo ciò che connettiamo


Di Gian Franco Addis
Pubblicato nel N° 40 del 14.11.2017

È importante l’attenzione e la presenza della Chiesa nel mondo della comunicazione, per dialogare con l’uomo d’oggi e portarlo all’incontro con Cristo: una Chiesa che accompagna il cammino sa mettersi in cammino con tutti. In questo contesto la rivoluzione dei mezzi di comunicazione e dell’informazione è una grande e appassionante sfida, che richiede energie fresche e un’immaginazione nuova per trasmettere agli altri la bellezza di Dio. (Messaggio per la 48ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, 2014).
Tante sono le storie che si incontrano, storie belle non solo di solitudine e dolore. Storie da raccontare per cambiare, per capire, per fare, per dare messaggi di fiducia in ogni contesto come quello digitale che sta trasformando il nostro modo di pensare e di essere.
Di tutto questo si è parlato venerdì 3 e sabato 4 novembre nel primo appuntamento del percorso di formazione “Raccontare la carità”, a cui hanno preso parte più di 100 delegati da tutte le Diocesi italiane, promosso dall’Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali della CEI – con il contributo di

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati