“Il lavoro è il lavoratore”. Il racconto della 48ma Settimana Sociale dei Cattolici Italiani


Di Gian Franco Addis
Pubblicato nel N° 38 del 31.10.2017

“Sul lavoro basta chiacchiere”. Parte in quarta la 48ma Settimana Sociale, svoltasi a Cagliari dal 26 al 29 Ottobre 2017. A pronunciare queste parole nel suo intervento di inizio lavori è il Cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana. “Queste giornate di Cagliari rappresentano, senza dubbio, un grande dono per noi perché ci consentono di ritrovarci insieme, con la disponibilità all’ascolto e al confronto, alla ricerca di soluzioni concrete e di piste da seguire. E sono un dono anche per tutta la nostra Chiesa, chiamata a trovare nuove motivazioni e un maggiore slancio nel suo impegno sociale”.
Prima di lui il videomessaggio di Papa Francesco aveva delineato chiaramente il senso di questa settimana che ha visto riuniti più di 900 Delegati di tutte le Diocesi italiane, 300 addetti stampa, accolti negli spazi della Fiera di Cagliari da una organizzazione impeccabile che ha coinvolto 200 Volontari.
Il Santo Padre, riprendendo l’insegnamento del beato Giuseppe Toniolo (fondatore delle Settimane Sociali) che scriveva: “noi credenti sentiamo, nel fondo dell’anima, […] che chi definitivamente recherà a salvamento la società presente non sarà un diplomatico, un dotto, un eroe, bensì un santo, anzi una società di santi”, ha invitato tutti i partecipanti a fare propria questa ‘memoria fondativa’: ci si santifica lavorando per gli altri, prolungando così nella storia l’atto creatore di Dio. La Sacra Scrittura è ricca di personaggi definiti dal lavoro, ha detto il Papa, e anche i talenti ricevuti, possiamo leggerli come doni e competenze da spendere nel mondo del lavoro per

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati