In preparazione al Sinodo dei Giovani/2

Di Don Mario Simula
Pubblicato nel N° 21 del 05.06.2017

Trovo una riflessione del filosofo Bauman, suggerita da Maurizio Ferrera (Corriere della Sera, 10 gennaio 20017). Lo studioso polacco dichiara di avere fede nei giovani. Nella loro capacità di rispondere alla vita, può trovarsi una via attuale per dare risposte alla società.
Dal Seicento in poi ha prevalso il controllo sulla natura e la società. Gli schemi di vita erano sempre più ordinati e “solidi”. Le persone guadagnavano in sicurezza e prevedibilità, ma perdevano in autonomia e libertà.
Nell’ultimo sessantennio il ciclo si è invertito. Benessere e consumi hanno destabilizzato il vecchio ordine e creato nuove libertà, alimentando una mentalità, basata sulla ricerca di piaceri effimeri, creando una libertà senza certezze, aperta ad un indecifrabile caos.
C’è una terza strada da seguire? Bauman ha sempre ripetuto: per raggiungere un nuovo equilibrio ci vorrà molto tempo. I giovani di oggi saranno protagonisti di questa transizione. Ma dovrebbero prendere

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]