Fiducia nella scienza


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 9 del 08.03.2021

La presentazione dei risultati relativi all’indagine paleopatologica dei resti del conte di Moriana, sepolto nella cattedrale di Sassari, restituiscono una realtà importante contribuendo, al contempo, a gettare nuova luce su un episodio ancora oscuro della Sassari di primo Ottocento. L’equipe multidisciplinare incaricata di analizzare i reperti ha lavorato per ricostruire una vicenda mai chiarita che colloca Sassari in un contesto internazionale, ma soprattutto rievoca un evento storico notevole proponendo una rilettura centrata in base allo studio condotto con sistemi e strumenti sofisticati. Proprio come i moderni investigatori del Ris (Reparto investigazioni scientifiche) e della Scientifica, gli specialisti dell’Università

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati