Scuola, più dubbi che certezze


Di Gian Piero Farena
Pubblicato nel N° 18 del 11.05.2020

Prima la sospensione delle lezioni in classe, poi il sofferto avvio della didattica a distanza, quindi il balletto convulso delle nuove modalità di valutazione, scrutini ed esami. Ora lo sguardo della scuola è rivolto al rientro a settembre, sempre che l’andamento dei contagi lo consenta.
Tornare tutti tra i banchi e rispettare le misure di sicurezza per la prevenzione è materialmente impossibile per le condizioni di spazio e per la dinamica stessa della vita scolastica. Occorre dunque attuare tutti gli interventi necessari per garantire la regolare ripresa delle lezioni, anche se più di qualcuno ha definito insostenibili i costi per poterlo fare. Quali sarebbero le soluzioni alternative se questo non fosse possibile? La prima ipotesi è quella di fare lezione in aula con metà alunni che si alternano con l’altra metà che rimane a casa e segue on-line, dandosi il cambio

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati