Santa Maria di Betlem, l’altare dei Sarti torna a splendere


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 4 del 27.01.2020

Una lunga storia durata più di vent’anni anni, quattro dei quali trascorsi a smontare, trasferire e restaurare uno dei manufatti lignei più preziosi presenti a Santa Maria di Betlem. Il settecentesco altare del gremio dei Sarti, custodito nella chiesa dei candelieri, è tornato all’antico splendore. Gli specialisti, coordinati dal restauratore Giorgio Auneddu Mossa, hanno terminato i lavori e si preparano a rimontare la mastodontica struttura dentro la cappella del tempio francescano, seconda a sinistra della navata.
Il meticoloso lavoro realizzato sull’antico manufatto è stato illustrato alla stampa i giorni scorsi, nella sala della biblioteca di Santa Maria, presenti il direttore dei lavori, l’architetto Giuseppe Palmieri, il guardiano del convento, padre Salvatore Sanna, il responsabile del restauro, Giorgio Auneddu Mossa, e il presidente del gremio dei Sarti Marco Sanna. Un bilancio di quarantamila euro,

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati