39° Convegno Regionale della Milizia dell’Immacolata


Di Miranda Cancedda
Pubblicato nel N° 26 del 10.07.2018

Col Convegno Regionale, che si è svolto il 2 giugno scorso, presso la Parrocchia di San Paolo Apostolo in Oristano, ci siamo avviati al termine dell’anno sociale.
Numerosi i militi provenienti dalle varie parti della Sardegna e tutto si è svolto come da programma stabilito.
La recita delle Lodi accompagnate da alcuni canti, hanno aperto la giornata.
Entriamo nel vivo del convegno, con la relazione dell’assistente regionale Padre Giuseppe Piga, ofmConv, che apre citando un passo degli scritti di padre Kolbe: “Essere di Lei (l’Immacolata), illimitatamente di Lei: ecco il sole che illumina la vita di tanti, tantissimi cuori. Quando il fuoco dell’amore si accende, non può trovare posto nei limiti del cuore, ma divampa al di fuori e incendia, divora, assorbe altri cuori. Conquista anime sempre più numerose al proprio ideale, all’Immacolata” (S.K.1325).
“Questo fuoco – commenta p. Giuseppe – lo accende Dio nei nostri cuori che riscalda, inonda, avvolge il cuore dei cristiani. Ma, noi vogliamo che bruci il cuore anche dei non cristiani, dei lontani, dei nemici, come ha bruciato il cuore dei Santi, di San Massimiliano. E se questo fuoco lo accende Dio, non può spegnersi, perché Dio non permette che si spenga: significherebbe che… si spegne la presenza di Dio”.
“Ricordiamo che San Massimiliano ha fondato la Milizia dell’Immacolata vedendo in Essa uno strumento di conversione e santificazione dell’uomo: questo possiamo farlo da soli o insieme a tanti altri cristiani e fedeli? Da soli certamente no, perché per Dio esiste la comunità, non esistono i soli. Ha voluto sempre

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati