Il messaggio dei Vescovi Sardi per la 48a Settimana Sociale dei Cattolici Italiani

Di I Vescovi della Sardegna
Pubblicato nel N° 35 del 10.10.2017

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro (…)” è scritto nell’articolo 1 della Costituzione italiana. Un diritto quello del lavoro che diventa dovere per il cittadino di svolgere “un’attività che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (art. 4) la cui mancanza sta determinando il motivo della crisi che stiamo attraversando, a livello sociale, politico, antropologico, e facendo venir meno il fondamento costituzionale.
Del lavoro si occuperà la Settimana Sociale dei Cattolici Italiani in vista della quale i Vescovi sardi hanno voluto inviare un Messaggio a tutti i cattolici della Sardegna e alle persone di buona volontà.

Siamo ormai prossimi alla celebrazione della “48ma Settimana Sociale dei cattolici italiani”, sul tema «Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo, solidale».
Essa si terrà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre, e ciò sollecita noi cattolici della Sardegna a riflettere con ancor più attenzione sul significato del lavoro e sulle modalità con cui viviamo i grandi e complessi problemi ad esso collegati.
Noi Vescovi, per la responsabilità pastorale verso le nostre Chiese, vogliamo perciò richiamare tutti a non perdere questa occasione: anche noi possiamo contribuire ad “aprire processi” (EG 222-225) positivi utili a

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]