Apertura del cuore e sintonia con il Santo Padre


Di Don Francesco Marruncheddu
Pubblicato nel N° 7 del 21.02.2017

Eminenza, si è da poco concluso il Giubileo Straordinario della Misericordia. Come valuta questo evento, partendo proprio da qui, dalla Basilica di San Pietro in Vaticano, della quale Lei è Arciprete?

Il Giubileo della Misericordia, inizialmente, è stato accolto con sorpresa perché il Papa ha tenuto dentro di sé l’intuizione e l’ispirazione. E quando l’ha comunicata, evidentemente, c’è stato un momento quasi di suspense, perché nessuno aspettava questo inatteso dono. Poi, però, immediatamente c’è stata l’apertura del cuore e, direi, anche una specie di sintonia con l’intuizione del Santo Padre, perché il tema della misericordia è un tema che affascina, un tema che incoraggia.

Cosa incoraggia di più, secondo Lei?

Sapere che Dio è misericordia, che Dio è sempre pronto a perdonare, che Dio è felice di perdonare, come racconta Gesù nella Parabola del Figliol

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati