L’indifferenza, punteruolo rosso dell’anima


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 41 del 10.12.2018

L’azione silente del punteruolo rosso aiuta a comprendere come l’indifferenza abbia eroso dalle fondamenta il senso di solidarietà di una comunità un tempo generosa e caritatevole. Il parassita ha decimato buona parte delle palme che ornavano viali e piazze del centro di Sassari. Pochi lo hanno visto perché l’insetto si insinua nel tronco delle palme e dall’interno, come un cancro, erode le fibre della pianta. Poi le fronde sfioriscono, i rami si abbassano come braccia di un corpo morente e la palma, orgoglio dell’arredo urbano, rivela tutta la sua sofferenza. Il punteruolo rosso è il correlativo oggettivo dell’indifferenza che, nell’ultimo periodo, sta consumando la fibre più intime della città.
Contrariamente alla palma, però, è possibile guarire ma il «paziente» deve credere nella «cura». Sassari è una città intorpidita, come se il punteruolo rosso dell’indifferenza ne abbia minato l’anima. Sorprendente in una comunità generosa che ha sempre saputo raccogliere, con coraggio, le sfide imposte dal mutamento dei tempi.

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Clicca qui per . Non sei registrato? Registrati