Un polo di alta formazione nell’Istituto Figlie di Maria


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 32 del 08.10.2018

Un centro di alta formazione interculturale e interreligioso finalizzato alla ricerca e alla formazione specialistica nascerà presto nell’edificio «ex sordomuti» di via Rolando a Sassari. Questo è l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato lunedì pomeriggio a Sassari, nella sala del trono dell’Episcopio, dall’arcivescovo Gian Franco Saba, dal governatore Francesco Pigliaru e dal sindaco Nicola Sanna. Un importante passo avanti verso la piena realizzazione del progetto a cui l’arcivescovo turritano lavora dall’avvio del suo ministero episcopale per realizzare un polo in grado di inserirsi con autorevolezza nel settore della ricerca specialistica e della formazione scientifica.
Alla conclusione dell’accordo, presenti i giornalisti, hanno partecipato anche il vicario generale, monsignor Mario Simula, il moderatore della Curia, monsignor Antonio Tamponi, il direttore dell’ufficio diocesano per i beni culturali, monsignor Giancarlo Zichi e il professore Roberto Furesi in rappresentanza del rettore Massimo Carpinelli. L’accordo prevede che l’edificio, di proprietà della Fondazione figlie di Maria, ospiti la sede operativa delle attività e delle iniziative dell’Accademia in un luogo tradizionalmente collegato al sistema formativo e quindi idoneo alla collaborazione con le realtà accademiche del territorio. Un intervento importante anche sul piano urbanistico che contribuirà, al contempo, al recupero di un’area

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati