La grazia della sofferenza. XXV Giornata Mondiale del Malato

La grazia della sofferenza. XXV Giornata mondiale del malato
Di Don Mario Simula, Vicario Generale
Pubblicato nel N° 5 del 07.02.2017

La sofferenza è una grazia misteriosa. Non opera davanti agli occhi. Scava i suoi sentieri nel cuore.
L’onnipotenza che si annida nella nostra presunzione viene definitivamente sconfitta. Dipendere da altre persone è duro e difficile. Aspettare la loro attenzione è un desiderio di consolazione non sempre accolto. Non appartenere più a se stessi, al proprio tempo, al proprio corpo, alla propria mente è problematico. Come una domanda senza risposta.
Tu vorresti rimanere nel silenzio della tua spossatezza e ricevi la visita, a volte dolce e discreta, a volte  invadente, pesante fino a stancarti ancora di più l’anima.
Vivere la malattia è un esercizio di umile accettazione del limite. Inevitabile. Del quale non conosci la durata e l’enormità. Lo prendi com’è e finché c’è. Concreto, sensibile, visibile.

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]