Vaccino, unica arma


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 11 del 22.03.2021

Forse è il caso di ridimensionare il clangore mediatico generato dalla vicenda relativa alla sospensione, poi rientrata, del vaccino prodotto da AstraZeneca che per diversi giorni ha catalizzato l’attenzione dell’opinione pubblica. Senza entrare nel merito di questioni a carattere scientifico, che lasciamo agli esperti di settore, l’esigenza è, invece, quella di ribadire un concetto fondamentale su cui pochi, in questo periodo travagliato, hanno speso qualche buona parola: non esiste attività umana a rischio zero. Ci insegnano da quando siamo venuti al mondo che qualsiasi cosa si faccia, apertamente pericolosa o meno, siamo tutti esposti a una certa percentuale di rischio che varia in funzione di fattori molteplici. La domanda a cui rispondere è questa: ci siamo mai presi la briga di leggere con attenzione il bugiardino di un

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati