Non solo accoglienza

Il problema non può essere affrontato solo in termini di accoglienza, occorrono programmi lungimiranti, progetti di recupero, piani specifici mirati alla cura della persona. Ma servirebbe anche uno studio socio-antropologico per ricostruire le esistenze di individui vinti dalla vita, comprendere le motivazioni a monte di una scelta così drastica da averli portati, in un attimo, ai margini della strada, dentro catapecchie malconce, sotto i ponti delle nostre città.
Con l’arrivo del gelo torna, puntuale, il dramma sempre aperto dei senzatetto, fenomeno acuito, anche nei numeri, dalla crisi ultradecennale e dalla recente pandemia, cause prime

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati