Il Vangelo letto in piazza


Di Antonio Meloni
Pubblicato nel N° 43 del 02.12.2019

Natale, tempo d’Avvento e d’attesa, ma anche di iniziative nuove, modi diversi di proporre e diffondere la Parola con una lettura in pubblico, magari in una piazza, la mattina di un giorno qualsiasi. Proprio come hanno fatto lo scorso sabato mattina don Andrea Piras e don Andrea Stara, rettore e vice del Seminario, che, «armati» di roll-up e del Vangelo, hanno proposto in piazza d’Italia la lettura del brano di Matteo: l’angelo che appare in sogno a Giuseppe per fugare in lui ogni dubbio esortandolo a prendere in sposa Maria.
«Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo: ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù, egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Si tratta del primo appuntamento di un ciclo di incontri denominato «Dai voce alla Parola» che prevede letture pubbliche del Vangelo, in piazza d’Italia, ogni sabato mattina, fino ai giorni immediatamente precedenti il Natale. Un modo diverso di diffondere la Parola, fatto all’aperto nei luoghi di socializzazione in cui la gente è particolarmente presente. Ma anche un modo differente di prepararsi al Natale fermandosi un attimo per riflettere sulla Parola di Dio in un periodo in cui,

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati