Terza intervista con Mons. Gian Franco Saba

Di Don Francesco Marruncheddu
Pubblicato nel N° 27 del 18.07.2017

Il suo motto episcopale è “dilectione amplectere Deum”, che è un imperativo rivolto ad ogni battezzato: “Abbraccia Dio con l’amore”. Vuole significare il suo obiettivo spirituale e pastorale?

Quanto al motto episcopale, ampiamente presentato da Libertà nel precedente numero, preferirei ritornarvi in occasione dell’inizio del ministero episcopale in diocesi, quando in circostanze differenziate condivideremo le ragioni della scelta e la prospettiva teologico-pastorale della frase di Sant’Agostino. L’Eucarestia veniva definita “ad osculo convenire”, andare ad abbracciarsi, a donarsi con sincerità di cuore il bacio santo; nell’Eucarestia si riceve l’abbraccio del Signore, si entra in comunione con Lui e si è chiamati ad abbracciarsi l’un l’altro nella Verità. L’Eucaristia è la sorgente della purificazione del cuore dell’uomo. Sant’Agostino talvolta definisce il cuore «scrigno di verità», mentre un autore recente, Malraux, lo ha definito «un nido di vipere». Il «Farmaco dell’Eucaristia» forgia una Chiesa capace di abbracciare Dio e la persona umana nella sua individualità. Nel tardo I secolo il

Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega . Non sei un membro? Registrati
[Abbonati per leggere tutte le pagine di Libertà]